Categoria: News

09 Gen 2019

Contabilizzatori del calore con controllo remoto: obbligatori dal 2020

La nuova Direttiva sull’efficienza energetica impone l’utilizzo di soli contabilizzatori di calore con controllo da remoto dal 25 ottobre 2020

La Direttiva sull’efficienza energetica entrata in vigore il 24 dicembre scorso imporrà dal 2020 l’installazione di soli contabilizzatori del calore con lettura da remoto e dal 2027 la sostituzione di tutti i dispositivi non dotati di queste proprietà.

L’efficienza energetica è uno degli obiettivi principali delle politiche energetiche dell’Unione Europea e, di conseguenza, anche nazionali. Negli ultimi anni per poter incentivare la riduzione dei consumi energetici tra le altre cose è stato incentivata, e nel caso dei condomini con impianti centralizzati addirittura imposta, l’installazione di contabilizzatori del calore per la corretta ripartizione  delle spese per il riscaldamento.

Grazie all’entrata in vigore della nuova Direttiva UE 2018/2002 sull’efficienza energetica ora le cose cambiate nuovamente; il provvedimento infatti stabilisce che i contabilizzatori ed i contatori che saranno installati dopo 25 ottobre 2020 siano obbligatoriamente dotati di strumenti che permettano la lettura da remoto. La mancata rispetto di questo vincolo sarà ammissibile solo nei casi di impossibilità tecnico-economica accertata.

La Direttiva UE sull’efficienza energetica impone inoltre che entro il 1° gennaio 2027 tutti i contabilizzatori in uso siano dotati di capacità di lettura da remoto. In virtù di questa normativa si impone quindi che tutti sistemi di contabilizzazione di vecchio modello vengano sostituiti con prodotti nuovi e più tecnologicamente avanzati, salvo che non venga accertata l’impossibilità tecnica ed economica della sostituzione.

Come già spiegato in un precedente focus (qui), gli Stati membri saranno liberi di stabilire autonomamente se le modalità walk-by o drive-by di lettura mobile possano essere considerate tecnologie di lettura da remoto, posto che perché i contabilizzatori di calore siano leggibili da remoto non deve essere necessario accedere ai singoli appartamenti o unità immobiliari.

 

08 Ago 2018

Nuovo modello di calcolo per il conteggio individuale dei costi dell’energia e dell’acqua

Berna, 27.06.2017 – Nelle case plurifamiliari il consumo di energia e di acqua presenta notevoli differenze da un’abitazione all’altra, determinate direttamente dal comportamento dei singoli abitanti.

Se si considerano oggetti equivalenti il consumo di energia per i riscaldamenti può variare del fattore 3, mentre per l’acqua si arriva addirittura al fattore 8. Oltre a creare trasparenza ed equità, il conteggio individuale delle spese dell’energia e dell’acqua (CISE) offre uno stimolo a favore di una gestione oculata delle risorse.

Oggi l’Ufficio federale dell’energia ha pubblicato un nuovo modello di calcolo rivolto sia a ditte incaricate di elaborare i conteggi e a responsabili del settore dell’edilizia che ad amministrazioni e proprietari di immobili. Dal 2017 il nuovo modello di calcolo dovrà essere adottato nelle nuove costruzioni e negli edifici risanati che, sotto il profilo energetico, raggiungono lo standard di un edificio nuovo. Per i restanti edifici rimane valido il precedente modello di calcolo per il conteggio individuale delle spese di riscaldamento e di acqua calda (CISR).

Leggi tutto l’articolo